MARIO FADDA

FOTO FADDA OKCOMUNI AL VOTO

L’ECO DEI COMUNI… MARACALAGONIS.
Di Alessandra Dessì

Maracalagonis è tra i Comuni che il 15 e 16 giugno rinnoveranno il consiglio comunale. Abbiamo chiesto a Mario Fadda, consigliere provinciale dell’UDC ed ex sindaco, ora candidato sindaco nella lista civica ” Prima Maracalagonis”, di ripercorrere le tappe del suo mandato fino alle dimissioni avvenute cinque mesi or sono e di illustrare agli elettori il suo programma per lo sviluppo di Mara.

Consigliere Fadda, cinque anni fa l’elezione a sindaco di Maracalagonis, poi improvvisamente cinque mesi orsono, quando si avvicinava la scadenza naturale del suo mandato, le dimissioni col conseguente commissariamento del comune. Vuole spiegarci le ragioni del suo abbandono?

Cinque anni fa avevamo assunto l’impegno di costruire un progetto condiviso con i cittadini sui temi del lavoro, dei diritti, della legalità, della solidarietà,dell’economia, dell’ambiente, dell’edilizia, dell’istruzione, dell’industria, dello sport, della cultura e non si trattava di parole o di impegni elettorali da disattendere, come talvolta accade.
Con un lavoro collegiale, che ha visto partecipe l’intera coalizione che mi ha sostenuto per quattro anni e sette mesi, siamo riusciti a dimostrare che con l’impegno di tutti, le parole possono diventare fatti importanti e che è possibile amministrare avendo come unico obiettivo l’interesse dei cittadini, il loro benessere e la prosperità del comune che si amministra. Ma soprattutto, smentendo coloro i quali pensano che la politica sia “attaccamento” alla poltrona, quando sono venuti a mancare i nobili presupposti cui accennavo prima e in mancanza della possibilità di effettuare un lavoro sinergico e collegiale, ho preferito ridare la parola agli elettori per evitare rassicuranti falsità e inaccettabili compromessi.

Quindi, in questi – quasi- cinque anni di governo, cosa è stato portato a termine per ciò che concerne i servizi ai cittadini?

Rispondo a questa domanda facendo presente che il primo atto della giunta ha cancellato il prowedimento di aumento ingiustificato, del 444%, degli oneri relativi alla legge Bucalossi e ha concesso il rimborso sulle differenze applicate a chi aveva già pagato. A tutt’oggi Mara ha il primato dei minori oneri di costruzioni dell’intera Area Vasta di Cagliari. Abbiamo inoltre predisposto una norma che ha stabilito una più equa tassazione abolendo l’imposta sulla prima casa, per i redditi fino a 25.000,00 euro e cancellando, dall’anno 2007, la tassa sull’addizionale irpef; ci siamo inoltre impegnati per l’apertura del Centro Anziani e di aggregazione sociale, affidato alla gestione di una cooperativa sociale attraverso una gara di evidenza pubblica portando alla assunzione di nuove unità lavorative residenti a Mara; abbiamo potenziato e trasferito la biblioteca comunale grazie al progetto di ristrutturazione
del vecchio Municipio. Nel corso di questi anni è stato riattivato e potenziato il Servizio Informagiovani al cui interno è stato realizzato un Osservatorio permanente per l’occupazione giovanile; sono state riattivate le mense scolastiche attraverso l’affidamento esterno del servizio; abbiamo progettato e realizzato il servizio ” anagrafe on line” e creato il sistema per la gestione del ciclo unificato dei Tributi ( Ici,Tarsu,etc.). Attraverso il progetto Plus, nel quale è stato inserito anche il nostro comune. abbiamo potuto garantire una maggiore assistenza agli anziani, anche
attraverso l’ organizzazione di soggiorni climatici, all’estero e nella penisola.
Abbiamo inoltre realizzato le colonie estive per i ragazzi e svolto opera di prevenzione delle tossicodipendenze con un occhio di riguardo per la prevenzione e l’educazione sanitaria. Abbiamo
realizzato un parco giochi per bambini ( Parco Gessa ) ed è in fase di ultimazione il primo lotto dell’asilo nido. Abbiamo realizzato lo sportello unico delle Attività Produttive (SUAP) ed abbiamo acquistato e ristrutturato l’immobile “Casa Farcl” per renderlo fruibile ad ospitare servizi comunali e
associazioni di volontariato. Siamo inoltre riusciti a garantire l’istituzione della giornata dell’anziano;
una adeguata assistenza economica alle famiglie indigenti; 80 nuovi inserimenti lavorativi a tempo determinato;l’istituzione del segretariato sociale, che ha permesso un’assistenza legale, amministrativa e fiscale alle famiglie indigenti; abbiamo garantito ricoveri in istituto e case famiglia; affidamenti familiari nonché l’inserimento di minori in associazioni sportive e culturali.

C’è stato, quindi, un occhio di riguardo per i meno fortunati…

Certamente, per noi è doveroso occuparci dei meno fortunati e l’abbiamo fatto attraverso il recupero e l’educazione dei sofferenti mentali attraverso attività socialmente utili, abbiamo inoltre dato vita al progetto obiettivo sperimentale biennale di prevenzione del disagio minorile rivolto alle famiglie, alla scuola, all’ambiente.
Abbiamo attivato anche lo sportello donna intercomunale, attraverso l’utilizzo dei fondi della Legge nazionale 285/97, progetti e laboratori Anffas.

In che modo si è sviluppata economicamente Maracalagonis in questi anni?

Noi possiamo dire di aver tracciato lo sviluppo di Maracalagonis, attraverso la stesura del Piano strategico comunale e intercomunale.
Per esempio, la realizzazione dei primi due lotti destinati all’insediamento delle attività produttive e la conseguente attività di promozione sta consentendo lo sviluppo economico del territorio di Mara con ottime prospettive occupazionali. Con I’utilizzo dei fondi per l’occupazione sono stati creati nuovi posti di lavoro e nuove aziende nei settori dei servizi e del commercio. Abbiamo sostenuto con incentivi dedicati, anche le aziende già esistenti che hanno potuto in questo modo ampliare le loro attività commerciali e imprenditoriali. Abbiamo avviato le condizioni per il recupero la valorizzazione del patrimonio archeologico e attraverso. l’acquisto della casa Cocco si procederà alla reaIízzazíone del museo agricolo Marese; abbiamo anche incentivato lo sviluppo dell’artigianato e la produzione enogastronomica tipica marese, attraverso mostre, manifestazioni, fiere, sagre paesane, eventi folkloristici attraverso azioni dirette e in sinergia con la Provincia di Cagliari, la XXIV Comunità Montana e la pro-loco, partecipando a fiere nazionali ed internazionali.

Quando si parla di crescita e di sviluppo di una città diventa inevitabile parlare di infrastrutture che contribuiscono a renderla maggiormente fruibile…

Certo. Lo sviluppo non è sostenibile senza adeguate infrastrutture e in questi anni di governo ci siamo impegnati al massimo per rendere Mara accogliente per i cittadini e spendibile in termini di attrazione d’investimenti economici e abitativi. Abbiamo dato la priorità alla realizzazione e sistemazione delle strade interne, degli impianti di rete idrica e di quelli fognari, ed abbiamo anche awiato la riqualificazione delle aree periferiche senza tralasciare la realizzazione ed il ripristino delle zone destinate al verde pubblico. Abbiamo pianificato il rifacimento e Ia realizzazione di nuovi
manti stradali dell’abitato urbano ed extra urbano( Vico Enrico Fermi, Vivo Via dei Mille, Via XXIV Maggio, Via Godetti, Vico Nazionale, Via Mereu, Strada Comunale Carboni, rifacimento Via San Basilio) e sono in fase di progettazione l’ultimo lotto di arredo urbano di Via Nuoro e la bitumazione di Via Risorgimento.
Abbiamo inoltre presentato i progetti per il completamento del Parco Comunale “Cuccuru Carboni” e sono stati realizzati nuovi spazi pubblici come il Parco Gessa, attraverso la realizzazione
delle opere primarie e l’attivazione di una convenzione per la gestione.

Quali altre opere sono state realizzate durante il suo mandato?

Le opere realizzate dalla nostra giunta sono davvero tante. Attraverso i fondi regionali per l’occupazione abbiamo proweduto alla realizzazione e affidamento del canile comunale e dell’arredo urbano di Rio Cortis, abbiamo sistemato Ie strade rurali di Flumineddu, Is Cubedinas e Serva Longa, abbiamo proceduto al quasi totale completamento della copertura del Rio Cortis nei tratti di alveo a Nord e Sud dell’abitato, è stata sistemata la casa parrocchiale, le aule catechistiche
e l’Oratorio, abbiamo in fase di realizzazione il recupero della vecchia scuola elementare di Via Colombo e la sistemazione dell’area circostante, quella di Via Umberto ex Esmas( da adibire a scuola materna) e dell’asilo comunale, abbiamo realizzato alcuni progetti strategici quali quelli della rete dell’acqua potabile nelle località costiere e nei villaggi di Monti Nieddu, Villaggio delle Rose, e Villaggio dei Gigli non ancora serviti e quelli della rete fognaria e impianto di depurazione nelle località turistico-balneari oggi in attesa dei finanziamenti richiesti.
Sono stati acquisiti ed erogati ai cittadini i finanziamenti per i lavori di riqualificazione del centro storico, abbiamo approvato e sono in corso di realizzazione le lotfizzazioni Pisanu I,Cuccuru Piscina, Carroi, mentre sono in attesa di nullaosta regionale per l’avvio dei lavori le lottizzazioni Pisanu 2 Sa Mura, e Campidanese.
E’ stato realizzato un progetto di arredo urbano e nuova sistemazione degli ingressi al paese dalle
vie: Garibaldi, San Basilio, Via Nazionale e Via Circonvallazione. Sono stati attuati i nuovi Píani Zona artigianale e industriale attraverso Piani Integrati Territoriali con finanziamenti pubblici e/o privati. Abbiamo inoltre affidato lo studio del piano attuativo che darà una
soluzione amministrativa per i fabbricati compresi nelle zone C degli ex piani particolareggiati e permetterà la costruzione di unità abitative e conseguenti urbanizzazioni. E’ in corso di attuazione il Piano urbano del traffico realizzato in collaborazione con il Corpo dei Vigili Urbani.

Avete utilizzato anche altri fondi regionali per migliorare Mara?
Certamente. Per esempio attraverso i fondi RAS abbiamo proweduto al finanziamento e all’attività di pulizia straordinaria del territorio comunale attraverso l’assunzione per un anno di dieci unità lavorative.

Quali altri provvedimenti per rendere la città al passo coi tempi?

Possiamo dire a questo proposito di aver portato in città la rete telematica ed è inoltre in via di completamento la nuova rete del gas.

Il comune si è fatto parte diligente nel promuovere la città dal punto di vista turistico e per la salvaguardia delle tradizioni…

A questo proposito abbiamo finanziato manifestazioni culturali e religiose tipiche locali, convegni e mostre attraverso patrocini destinati a sostenere l’attività
di associazioni culturali e sportive prevalentemente locali, attraverso I’acquisto della Casa Cocco e il riadattamento del Teatro è stato possibile mettere a disposizione delle varie associazioni sportive, culturali e musicali e dei vari comitati organizzatori delle feste religiose,
degli spazi indispensabili per favorire il regolare svolgimento delle attività, ed inoltre abbiamo progettato e affidato la realizzazione del Parco Pubblico a Torre delle Stelle che ospiterà attività commerciali e produttive, strutture ludiche e culturali.

Parliamo del futuro: quali impegni intende assumere con i cittadini se sarà eletto sindaco per la seconda volta?

Attraverso il lavoro fatto pensiamo di aver creato le prerfiesse per migliorare Mara, ma naturalmente restano ancora tante cose da fare in particolare dal punto di vista urbanistico che riteniamo fondamentale per lo sviluppo della città; i tempi impongono l’individuazione
di nuove aree edificabili per consentire a chi vuole risiedere a Mara di poterlo fare.
Tra le nostre priorità abbiamo individuato: l’adozione del PUC, Piano Urbanistico Comunale, sulla base del nuovo Piano Paesaggistico Regionale, attraverso la condivisione e l’organizzazione di incontri pubblici con la popolazione e con le forze imprenditoriali, per creare le massime potenzialità di sviluppo economico; l’accelerazione e Io snellimento delle procedure per il rilascio delle concessioni edilizie attraverso procedimenti chiari, trasparenti e senza favoritismi, potenziando gli uffici con l’assunzione di nuovo personale; la liberalizzazione di nuove aree edificabili concedendole a chi vuole costruire a Maracalagonis; il proseguimento dell’opera di valorizzazione del centro storico attraverso l’ammodernamento delle reti tecnologiche, la ridefinizione della viabilità e incentivando I’ utilizzo delle abitazioni private ad uso turistico – ricettivo con un progetto di ospitalità diffusa; la riduzione della tariffa sullo smaltimento dei rifiuti solidi e urbani (TARSU) per le famiglie indigenti; l’esenzione della tariffa sullo smaltimento dei rifiuti solidi e urbani (TARSU) per i fabbricati occupati da anziani (sopra i 65 anni con reddito minimo); abbiamo intenzione di continuare nell’opera di incentivazione verso Ia cura e il mantenimento dei fabbricati a valenza storica determinando gli standard sui materiali e le tecniche costruttive sulla ristrutturazione degli immobili.
Fa parte inoltre del nostro programma il desiderio di completare il processo dí riorganizzazione della macchina amministrativa attraverso nuove assunzioni e il riassetto della pianta organica;
vogliamo completare il Distretto Industriali III e IV lotto e attivare azioni di marketing territoriale. Progettiamo Ia creazione di un Fondo di Garanzia per nuove attività produttive e già esistenti; ci impegniamo a completare le opere infrastrutturali in zona costiera e frazioni; abbiamo in programma la realizzazione delle opere per il completamento del parco pubblico Torre delle Stelle; la realizzazione di un Internet point pubblico, gratuito per i residenti,; la realizzazione di Interventi di Edilizia Residenziale Agevolata; la mappatura delle aree di proprietà comunale nelle zone costiere per la realizzazione di interventi privati con concessione comunale per la realizzazione di servizi di pubblica utilità e tanti altri importanti progetti.
Voglio concludere ricordando ciò che nel 2003 ci eravamo impegnati a fare
nel corso del nostro mandato, vale a dire: snellire I’apparato burocratico amministrativo seguendo le nuove normative, facilitare l’accesso del cittadino ai pubblici servizi, creare sviluppo
economico ed occupazionale, ampliare e diversificare i servizi sociali, favorire
la crescita culturale.

A distanza di quasi 5 anni possiamo dire di aver portato a termine la maggior parte del programma
presentato allora. In virtù di questo chiediamo ai cittadini, ancora una volta, di accordarci la loro fiducia per la crescita e il benessere di Maracalagonis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.